Tiella di riso patate e polpo all'acqua pazza


tiella barese rivisitata

E dopo la fissa per Buddy, ora Gi è passato a quella per Gordon Ramsay. Niente di preoccupante, anzi... E' solo che... meglio che incomincio a raccontare dall'inizio.
Allora, immaginatevi la scena: domenica mattina. Sveglia presto, come ogni giorno, vado in cucina e mi preparo il caffè. Una caffettiera da tre tutta pour moi, che di caffè non ne bevo mai abbastanza!
Oggi grandi pulizie: tocca alle persiane, si smontano, si lavano...si rimontano.
Inquadrato il mio stato d'animo, già precario?
Sorvoliamo ora sull'immensità del lavoro.
Nella pausa merenda (per lui) e "merendazione" (per me che la colazione appena sveglia non riesco a farla), lui si siede sul divano e accende la tele, io in cucina sto davanti al frigorifero aperto riflettendo sull'infinità dell'universo...e della stupidità umana...e a quell'articolo che devo ancora scrivere...e a mamma che devo chiamare...e alle persiane che mi mancano...e...ma perché ho aperto il frigo??

Un urlo disumano dal salotto: CORRIIIIIIIIIIII!
Mi precipito preoccupata. (Ecco, così sembra che ho una reggia...in realtà la mia casa è stile due cuori e una capanna)
Cosa è successo?
Niente... la rifai questa ricetta?
Ecco. In quell'istante l'avrei anche picchiato...ma sono per la non violenza. Quindi faccio un respiro profondo e... Quale ricetta?
Questa!!! Guarda! E' semplice...ma secondo me buonissima...ci sono le uova di mamma ancora, così le finiamo.
Mi giro verso la televisione e c'è Gordon in tv, sta preparando le uova alla nordafricana. E già che sento "cumino" mi conquistano... comunque, mi strappa questa promessa e torniamo a lavoro.

E mi comincio a preoccupare, non solo per la nascente passione per Gordon Ramsay ma anche e soprattutto perché si mette a parlare di cucina e metodi di cottura con il vicino di casa ed il fruttivendolo accanto.

Dopo pranzo sprofondiamo esausti sul divano (e manca ancora una persiana...la più grossa!). Ci riposiamo un pochino. Lui accende il pc e invece di andare sui soliti siti di sport, di andare su fb o qualsiasi altra cosa...va su Emmetichallenge.
Io lo osservo con la coda dell'occhio, preoccupata.
Lui scorre i post. Cerca qualcosa.
Io rimango lì, immobile e muta, ma continuo ad osservarlo di nascosto.
Ed ecco che clicca lì, sulla ricetta del mese. Poi fa click su "la taieddhra riso patate e cozze di Cristian".
Io tremo...
Lui legge tutto. Vedo che si sofferma sulle parole. Alcune le evidenzia con il cursore.
Io sudo freddo. Ma sono testarda (e timorosa) ancora non dico niente.
Poi torna su Emmeticì, e si legge tutto il post anche qui. Rimane sul regolamento...si gira verso di me: Allora? Quando la facciamo?
Come se niente fosse, mi giro verso di lui, con calma rassegnazione e rispondo "Cosa, Amore?" Ma dentro di me un urlo: FACCIAMOOOOO? 
La ricetta del mese, la taiddhra. L'ho assaggiata quando ho fatto il corso a Bari. E' buonissima! E lo sai che a me le cozze non piacciono. 
Ah sì...(fintatonta!) la tiella! Devo ancora comprare il pesce, ma aspettavo di andare in "quella" pescheria... così ne compriamo un bel po', lo pulisco e lo surgelo. (Cerco di cambiare discorso...)
La possiamo fare senza cozze? Aspetta...sì...qui c'è scritto che le possiamo sostituire. Ok. Vediamo... polpo?
Un altro urlo silenzioso: POSSIAMOOOO?? Mi ricompongo. Sì, anche io l'avevo pensato. O polpo o filetti di triglia. Senti, ora che ci penso (sempre per sviare il discorso...e per evitare il suo plurale maiestatis), hai detto che l'hai assaggiata a Bari, dove? In un ristorante?
Fa una faccia indecifrabile ma risponde: Sì...e anche a casa di un mio collega pugliese.
Mi si illuminano gli occhi. E voi MTcine ed MTcini sapete il perché.
Continuo: E come erano le cozze?
Buone!
Nooo! Non di sapore! Con le valve o senza? In mezzo o sopra? 
La sua faccia a questo punto è un enorme punto interrogativo. Al ristorante erano in mezzo senza valva e sopra con solo mezza...a decorazione. Quella invece fatta dalla mamma di S. erano senza valva e mi sembra solo in mezzo. Come questa (indica la ricetta di Cristian) insomma. Ma perché? Secondo te tutti  devono seguire la stessa identica ricetta? Non sei tu la prima a dire che è bello rielaborare?
Hai ragione. Ragionissima! E qui mi conquista e mi fa passare l'ira del "Quando la faCCiAMO!".
Poi, ecco la domanda.
Esce così, innocente, dalle sue labbra.
Questo mese partecipiamo insieme? Ti aiuto...


"Tiella" di riso patate e polpo all'acqua pazza

tiella riso patate senza cozze

Ingredienti per 5-6 persone:
  • 300 gr di riso thaibonnet della Maremma Grossetana (non parboiled)
  • 400 gr di patate a buccia rossa
  • 1 polpo verace di 600 gr circa
  • 1 cipolla di tropea fresca
  • 2 zucchine
  • una ventina di pomodorini Torpedino
  • 50 gr di formaggio grattugiato (metà pecorino romano, metà grana)
  • sale
  • Olio extravergine d'oliva 
  • erbe: prezzemolo, salvia, rosmarino, timo, erba cipollina, alloro, mentuccia romana
  • 1 spicchio d'aglio
  • teste e code di gamberi (scarti)
  • vino bianco secco

Se non lo è già pulire bene il polpo.
In una pentola far soffriggere l'olio con l'aglio ed il prezzemolo tritati. Aggiungere metà dei pomodorini tagliati in quattro e gli scarti dei gamberi. Aggiungere acqua e vino bianco in egual quantità, le erbe e salare. Far cuocere per almeno mezz'ora a fuoco lento. 
Con un forchettone infilzare la testa del polpo ed immergerlo completamente nell' "acqua pazza" che sta bollendo, aspettare che riprenda bollore e tirarlo su. Ripetere questa operazione per tre volte: i tentacoli si arricceranno. 
Filtrare il brodo in modo da eliminare le impurità.
Pulire tutte le verdure, sbucciare le patate e le cipolle, lavare le zucchine e i pomodori. Tagliare le patate, le zucchine e le cipolle a rondelle molto sottili e i pomodori a metà.
Ungere la teglia con dell'olio e disporre metà delle patate, delle zucchine e delle cipolle in un unico strato.
Sciacquare il riso velocemente in una scodella piena di acqua, scolarlo e disporlo in uno strato molto sottile giusto a ricoprire le verdure. 
Sopra il riso disporre i pomodorini e il polpo tagliato a tocchetti. Spolverare con metà del formaggio grattugiato e fare un altro strato sopra il polpo con le verdure rimaste. Versare l’acqua pazza nella teglia, in maniera tale che arrivi proprio a filo dell’ultimo strato di verdure. Spolverare con il formaggio rimasto e condire con un filo d'olio.
Infornare in forno già caldo a 160°C per circa un'ora e mezza, fino a che si sarò formata una bella crosticina dorata in superficie.


Tiella riso patate e

Con questa ricetta partecipIAMo all'MTC di maggio, grazie Cristian!!!



33 Forchette :

  1. Ahahahah! Ma questa è tutta colpa di Cristian che ha dato il via ai mariti :D
    Scherzi a parte, molto buona la vostra versione: siete stati bravissimi! :)
    Un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, anche da parte di Gianluca! Secondo me si è sentito chiamare in causa quando sul gruppo fb si pensava fosse lui ad aver vinto l'MTC! :)

      Elimina
  2. Questo MTC è contagioso, insomma :) Ma è un virus di quelli che tutti vorrebbero avere (e logora chi non ce l'ha, infatti ;) )

    Mi piace la tua versione, vedi che non sei una ciammarica? Anzi, sapessi cucinare io così bene, il pesce!

    (scherzo, eh, lo specifico ma lo so che sei una persona che coglie l'ironia :) )

    Buon week end a te e al tuo socio della ricetta del mese!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahhahahah! Guarda "ciammarica di terra" mi è piaciuto tantissimo!!! Quasi quasi lo metto come secondo nome nel blog... :D

      Elimina
  3. Bravi davvero...però potresti invitarlo a aprire un blog tutto suo.... Un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nooo! Meglio di no...sarebbe un doppio lavoro per me. Anzi contando i miei due lavoretti estivi...un quarto lavoro, compreso il mio blog!!! :)

      Elimina
  4. Io SOGNO il momento in cui anche mio marito inizierà a rendersi partecipe della mia cucina, a comprendere la differenza tra una cotoletta fritta e una panata, a conoscere i termini "cozze" e "cumino". Come dico io, lo sto "svezzando", lentamente e con tanta pazienza. Già conosce Ramsey, e mi pare un bel passo avanti. Magari prima o poi inizierà anche a chiedersi cos'è questo MTC di cui gli parlo ogni mese...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'MTC all'inizio non gli interessava, basta che mangiava ed era contento. Ora si incomincia ad interessare, più o meno dalla Red Velvet. Lui che non ama i dolci, ora me la chiede a qualsiasi ricorrenza, a qualsiasi invito che ci fanno...insomma...sto redvelvettando in continuazione! :)
      Almeno però mi aiuta!! :))

      Elimina
  5. Simpaticissimo il racconto. Meno male che in cucina ancora comando io è l'unico posto dove ancora mio marito non ha ficcato il naso e spero sinceramente che continui a non farlo. Complimenti per la ricetta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie!
      A lui gli permetto di entrare, primo perché non ho la porta, ma solo un archetto...e poi...perché chi cucina non apparecchia e fa i piatti. La regola non è sempre rispettata, ma come aiuta lui in casa... non lo cambierei con nessuno!

      Elimina
  6. tremo all'idea che l'Omo inizi ad incuriosirsi troppo all'MTC :D
    la cucina è MIAAAA!!!
    mi hai fatto piegare in due dalle risate col tuo racconto del momento "della scoperta" della ricetta del mese :D
    sei grande!!!
    baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahaahahah! Alle origini era MIA ed esclusivamente MIA! Ora se dobbiamo cucinare per noi due lui entra e può fare ciò che vuole, ma se abbiamo ospiti a cena...non mi parla nemmeno...perché non voglio nessuno che mi gironzoli attorno: ho i miei tempi, mi organizzo il lavoro nei minimi dettagli...e se qualcuno entra e fa qualcosa mi scombussola tutto! :D

      Elimina
  7. Sintomi orripilanti....questo è il secondo marito preso dalla MTCpatia...non è che c'è un'epidemia endemica? Sono spaventatissima...per il momento il mio uomo di casa si limita a mangiare quello che gli propino e dopo due anni ha capito cos'è l'MTC...ma il giorno che sentirò dire "facciamo", io lo giuro, scappo di casa. Perché l'idea di avere creato un mostro mi terrorizza!
    Comunque la tua scenda davanti al frigorifero a pensare al sesso degli angeli si ripete puntualmente a casa mia....mi hai fatto troppo ridere.
    Stupenda versione depurata. Mi piace tantissimo. Un forte abbraccio, Pat

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nooo! Speriamo di no...la rivincita dei mariti noooooooooooo!!!!
      Il giorno che scapperai da casa, qui da me sei la benvenuta...e poi spediamo mio marito dal tuo :P
      La scena del frigorifero come minimo si ripete ogni giorno, sono felice di non essere l'unica!
      Grazie!!

      Elimina
  8. Meglio CON te che CONTRO di te :-))))) Chiedi a Mari per conferma :-))))))))))
    Bella Arianna, la presentazione, come la ricetta, come la foto : ottima scelta di ingredienti e ottima realizzazione. Grazie
    Dani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahahhaha! Hai ragione! E spero che se vorrà continuare a partecipare... lo faccia sempre CON me! :)
      Grazie mille!

      Elimina
  9. agaggagaga mi hai fatto divertire da morire!!!
    Mi piace tantissimo la tua versione ed anche le tue foto!
    Un abbraccio, Chiara

    RispondiElimina
  10. ciao! complimenti per la ricetta!
    Hai un blog davvero carino, ti seguo volentieri :)
    A presto!

    RispondiElimina
  11. In quanto a lavori in casa ti faccio compagnia, io sono una maniaca delle pulizie ma a me le persiane ancora mancano da fare! Singh!!!
    Devo tirare le orecchie al mio di marito che in questi ultimi due mesi si è tirato fuori dai consigli MTC!!!
    Ed anche questa versione di tiella mi piace tanto! COmplimenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie!!
      Lasciamo perdere la mania delle pulizie...che se penso che -causa lavoro tutti i giorni tutto il giorno- questa estate dovrò chiamare qualcuno che mi aiuti...arghh! Sarà difficile trovarne una degna! :P
      Tira le orecchie a tuo marito anche da parte di Gianluca...

      Elimina
  12. Finalmente sono riuscita a leggere con calma... ahiahiahi...temevo che ci sarebbero stati dei seguaci :) e tieni presente che sei stata fortunata 1. perchè avete partecipato insieme (almeno per ora) e 2. perchè se vincete vinci tu e non lui :)
    Bellissimo post, molto divertente, mi sembrava di vedere noi due e taieddhra fantastica!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahahah! Cristian e la rivolta dei mariti, potrebbero farci un film!!
      Io spero di non vincere mai, partecipo per la gioia di partecipare...ma la vittoria no...potrei impazzire ancora di più! :D
      Grazie mille!!!

      Elimina
  13. Bel post e divertente. Quando un uomo si mette in testa una cosa...

    Un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A volte è vero il detto "meglio solo che male accompagnate"...ma ormai per me è troppo tardi! :P

      Elimina
  14. Ciao Arianna! Ciao Gianluca! In primis voglio dire a Gianluca...Bravo!!!Bravissimo!!! Ora il passo successivo è l'indipendenza, un blog tutto tuo e via con le sfide mensili, peccato che tu non l'abbia fatto prima, magari potevi essere tu il vincitore ;-)
    La vostra taieddhra mi piace molto. Prima di tutto per l'utilizzo del polpo che per me è molto importante e caro. Ottima l'idea di utilizzare l'acqua in cui è stato cotto per cuocere il il riso e le patate e buccia rossa. Il tocco finale sicuramente è stato dato dall'esplosione di sapori e odori che avranno conferito tutte le erbe aromatiche alla vostra taieddhra. Bravissimi!
    Grazie mille!
    Cristian

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prima rispondo io...Gianluca un blog? Nuooo aiutoooo!!! Non me lo aizzare contro, eh! :P
      L'idea del polpo è stata di Gianluca, io ero indecisa tra polpo e triglie e lui mi ha convinto ad utilizzare il primo. Per l'acqua...questa è stata mia! :D
      Io in genere utilizzo la pentola a pressione, viene di una morbidezza unica, perfetta per una insalata. Avevo addirittura pensato di utilizzare l'acqua del polpo...ma non ho "azzardato", se cuocevo del tutto il polpo prima...poi come sarebbe venuto dopo un ora e mezza di forno? Però il puntino di provarci mi è rimasto...
      Grazie mille per essere passato!
      Ora lascio la parola a Gi.

      Ciao Cristian! Io un blog non potrei mai aprirlo, non ho la costanza di starci dietro, in cucina mi piace stare ma per aiutare Arianna. Ma chissà, magari alla prossima sfida farò una ricetta tutta mia...e mia moglie mi offrirà il suo spazio. Per amore questo ed altro! :P

      Elimina
  15. ...quanto ha conquistato i mariti la sfida di questo mese?? Chissà perché! Spirito di gruppo? Solidarietà maschile?...chissà...cri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io opto per la solidarietà maschile, sperando non sia una malattia endemica!! :P

      Elimina
  16. ciao...complimenti veramente...ti seguo volentieri..xke non passi anche tu nel mio blog??? un bacio
    http://lericettedimarty.blogspot.it/
    aggiungimi anche su fb che cosi possiamo stare sempre in contatto e scambiarci consigli..
    https://www.facebook.com/martina.rossi.1481?ref=tn_tnmn

    RispondiElimina

Stampa Ricetta

 

Informativa cookie

Ho partecipato a LSDM

Ho partecipato a LSDM
2016